«Mare e batucada», il nuovo video della cantante molfettese Serena De Bari

Fresco ed estivo, il singolo vede la partecipazione del brasiliano Elias Santos De Souza, ed è un inno contro il razzismo.




Si è fatta conoscere al grande pubblico nel 2017 quando è entrata nella scuola di Amici, è giovanissima ma ha già le idee molto chiare: è Serena De Bari, 18 anni, nata a Molfetta, che sta per pubblicare il video dell'ultimo singolo Mare e Batucada, uscito il 28 giugno, e che noi della «Gazzetta» vi facciamo vedere in anteprima.- Il brano, frizzante e fresco, che si candida a tormentone estivo, vede la partecipazione del cantante brasiliano Elias Santos De Souza, è prodotto da Luca Venturi, arrangiato da Franco Muggeo e registrato al Metropolis Studio di Milano. Il video invece è diretto dal regista Marco D’Andragora, e alla fine compare la frase "Juntos num só ritmo", "Tutti allo stesso ritmo", slogan di Brasile 2014 che testimonia la volontà di remare nella stessa direzione, contro il razzismo. Abbiamo sentito la stessa Serena per farci raccontare qualcosa in più su questa canzone. 


Come nasce l'idea di un brano contro il razzismo, e perché per te questa tematica è importante?

«Credo che oggi questa tematica sia di grande importanza e attraverso il mio brano "Mare e batucada"  voglio far emergere quanto l’unione dei popoli attraverso la musica trasmetta amore, felicità e colori, requisiti essenziali per poter vivere bene insieme ma sopratutto rispettare il prossimo: ”Juntos num so ritmo”, siamo tutti uniti nello stesso ritmo, il ritmo del mondo e della fratellanza tra i popoli»


Sei giovanissima, ma hai già le idee chiare:cosa vorresti trasmettere con la tua musica?

«Tanto... vorrei che il pubblico si affezionasse alla mia musica e non a ciò che può essere definito contorno, perché con l’aiuto mediatico siamo tutti bravi. Chi al termine del brano si sofferma sul significato delle parole? Sicuramente in pochi. Dopo tanti anni di duro lavoro non solo mio, ma anche di tutti i miei collaboratori, il messaggio è molto semplice, la mia musica deve essere un inno alla forza e all'amore, e motivo di spensieratezza dai momenti negativi che possono caratterizzare le nostre giornate»


Che progetti hai per il futuro, dove speri ti porti la tua carriera?

«Come ogni artista spero di collezionare, grazie al pubblico, tanti concerti live, traguardi televisivi dove attraverso le mie canzoni possa farmi conoscere, e piccole e grandi soddisfazioni personali. Sono consapevole che in questo mondo le sconfitte sono tante, ma credo che siano il punto di partenza di tante rinascite, per poter trovare nuova luce e speranza, e conferire al proprio progetto un lato diverso o migliore»



Video Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=KHl4Q7Gn9H4


Tratto da: La gazzetta del mezzogiorno

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti